L’edilizia sostenibile è diventata un tema di grande rilevanza negli ultimi anni, soprattutto come risposta alla crescente consapevolezza dell’impatto ambientale delle costruzioni. La direttiva UE, che ha posto il limite al 2030 per nuovi edifici ad emissione zero e al 2050 per quelli già esistenti, ha accelerato il processo di rinnovamento del settore che inevitabilmente include anche le professioni legate all’edilizia.

Ciò ha portato a un aumento della domanda di professionisti con competenze nel settore edile, e creato opportunità per nuove figure tecniche.

I nuovi professionisti

Le figure più richieste in questa nuova era sono sicuramente risorse con profili tecnici e specializzate nella realizzazione di progetti a basso impatto ambientale. Un esempio sono gli esperti in progettazione e certificazione energetica degli edifici. Si tratta di professionisti in grado di valutare l’efficienza energetica degli edifici esistenti o in fase di progettazione, identificando soluzioni per ridurre il consumo energetico e le emissioni di gas serra.

Un’altra figura che sta nascendo è il tecnico specializzato in materiali eco-friendly. Infatti, c’è sempre più richiesta di materiali da costruzione sostenibili, come gli isolanti ecologici e le vernici a basso impatto ambientale. È quindi necessario formare tecnici specializzati nella selezione e nell’applicazione di questi materiali.

Altra materia, l’acqua ha nuove figure di riferimento. I consulenti per la gestione di risorse idriche sono responsabili di valutare l’uso dell’acqua negli edifici, identificare soluzioni per ridurre il consumo idrico e implementare sistemi di recupero delle acque piovane, e altre pratiche di gestione sostenibile delle risorse idriche.
Un’altra nuova figura è l’esperto di design bioclimatico ovvero, un professionista specializzato nella progettazione di edifici che massimizzano l’uso delle risorse naturali, come la luce solare, la ventilazione naturale e l’isolamento termico. Utilizzando tecniche di design bioclimatico, contribuiscono a creare edifici energeticamente efficienti e confortevoli.

Nuovi orizzonti professionali

Accanto a queste figure emergenti del settore edile, sono sempre molto ricercate dalle aziende persone specializzate nei lavori di base del cantiere edile. Per questo, la scuola Mastri 4.0, continua a formare giovani e adulti, offrendo loro le basi di una professione certa che potrà essere successivamente ampliata in base alle richieste del mercato.

Leggi anche: Il successo di Mastri 4.0: l’evoluzione della scuola.